Archive for the ‘Cucina romagnola’ Category

20 gennaio 2008 23:48    |    by Mauro

Liquore al Caffè

Dopo la ricetta del liquore alla liquerizia, la famiglia Venturi di Bologna ci ha insegnato come fare un ottimo liquore digestivo al caffè, molto simile al noto Caffè Sport Borghetti.

Gli ingredienti sono semplicemente caffè di 3 moka da 3 persone, 400 gr. di zucchero e 200 grammi di alcol. E’ sufficente mescolarli insieme.
Il liquore digestivo va bevuto freddo, quasi ghiacciato come il limoncino e tutti i liquori fatti in casa.

 

Immagine tratta da La Creatività e i suoi colori

17 novembre 2007 16:26    |    by Mauro

Ingredienti:
250 gr di cioccolato fondente
200 gr burro
200 gr di zucchero
una presa di sale
8 tuorli
8 albumi
1 bustina zucchero vanigliato
230 gr farina
margarina x ungere

Per farcire:
4 cucchiai confettura di albicocche

Per la copertura:
200 gr di cioccolato amaro
un quarto di acqua calda
150 gr di zucchero.

Spezza il cioccolato e fallo sciogliere in una ciotola a bagnomaria sul fuoco. Poi lascialo raffreddare completamente, mettendo il recipiente in acqua ghiacciata.

Monta a crema il burro con lo zucchero ed il sale e continua a sbattere il composto x 5 minuti. Unisci quindi il cioccolato fuso e poi i tuorli, amalgama il tutto.

Monta a neve densa gli albumi con lo zucchero vanigliato ed incorporali con delicatezza al composto di cioccolato. Setaccia sopra la farina ed impasta il tutto, mescola dal basso verso l’alto. Rivesti il fondo di una terrina sganciabile di 24 cm con un foglio di carta pergamena, ungilo di margarina e riempilo con l’impasto, livella la superficie.

Disponi la tortiera sul ripiano più basso del forno già preriscaldato e lasciala cuocere per un ora e venti minutia 180°. Trascorso il tempo sfornate il dolce e lascialo raffreddare nelllo stampo. Stacca con cautela il cerchio della tortiera e capovolgi la torta su di una gratella ed elimina la carta. Taglia la torta orizzontalmente in 2 strati e farciscili con la confettura di albicocche, dopo averla lavorata con un cucchiaio in una scodella per renderla omogenea e liscia.

Per la copertura, spezzetta il cioccolato e mescolalo in una casseruola con acqua calda. Aggiungi lo zucchero e porta ad ebollizzione, mescolando di continuo.

Lascia cuoce per 10 minuti, togli poi il recipiente dal fuoco e continua a battere il composto con una frusta finchè non si sarà addensato e per evitare che la superficie si formi una pellicola sottile.

Quindi spalma su tutta la torta questa copertura aiutandoti con un coltello a lama larga, lascia consolidare il cioccolato prima di servirla .

Buon appettito.

Scoprite le ricette delle nostre bisnonne Alda e Amelia

30 ottobre 2007 00:14    |    by Mauro

Continuamo con le ricette. Questa è gustosissima e proviene direttamente dal diario di cucina di Simona, la governante dell’Alda Amelia e…di mio fratello Claudio! ;-)

Questi gli ingredienti:
160 gr. di farina
200 gr. di zucchero
6 uova
1 dose di lievito

Amalgamare tutti gli ingredienti. Mettere in una teglia lunga ed infornare al massimo per 10 minuti. Sfornare il rotolo e metterlo in un canovaccio o straccio umido, arrotolare e far riposare per 1 minuto circa.

Srotolare (senza togliere il canovaccio) e farcire bagnando con alchermes e spalmando la nutella. Riarrotolare, aiutandosi con il canovaccio, mettere in frigo prima di servire.

28 ottobre 2007 23:24    |    by Mauro

Visto che ormai il limoncino a fine serata si trova in qualsiasi ristorante, c’è qualcuno che vuole essere più originale e offre prima del caffé il liquore alla liquerizia. All’osteria Gambero Rozzo, ristorante di pesce a Cattolica, è di tradizione, insieme al limoncino della Casa.

Gli amici del gruppo sociale di Rodigo che da quasi 10 anni decidono di trascorrere le vacanze nel nostro Hotel a Cattolica ci hanno trascritto questa ricetta:

Kg. 1 zucchero
Lt. 1 acqua
Lt. 1 alcol 90°
gr. 200 liquerizia

Sciogliere lo zucchero in mezzo litro di acqua. Nell’altro mezzo litro, sciogliere la liquerizia a bagno maria (lavoro più brigoso!). Mescolare poi il tutto, insieme all’alcol, ed imbottigliare.

Se si vuole abbassare la gradazione dell’alcol, prima di imbottigliare, dar fuoco (facendo attenzione!) al preparato. Per spegnere coprire la pentola con il coperchio.

Se qualcuno avesse consigli o ricette….ce le invii pure via email. Sarà nostra cura, inserirle in questo Blog e nostro divertimento e delizia, provarle di persona. Slurp!

Qua trovate un’altra ricetta del liquore alla liquirizia, insieme a tante altre ricette gustosissime.

30 settembre 2007 21:58    |    by Mauro

Più si avvicina l’inverno, più si deve trovare qualcosa da fare il fine settimana. Claudio è sempre più impegnato in motocavalcate, Simona vicino al piccolo Alessandro, Mauro e Pierre nei servizi di volontariato nel gruppo scout di Cattolica…ma ogni tanto, è nostra tradizione passare un weekend con amici presso gli agriturismi dell’ entroterra romagnolo, a volte marchigiano o toscano.

Spesso gli agriturismi sono scovati proprio da Claudio nelle sue escursioni in moto o consigliati dall’esperto amico camionista Matteo Venturi, la cui esperienza culinaria e gastronomica è nota a tutti.

Martedì scorso siamo ritornati dal nostro agriturismo preferito, La Cerqua di Levola di Montefiore, dove Franco e Leda hanno ristrutturato un vecchio casale fino a qualche anno fa abbandonato e trasformato l’antico piacere dell’ospitalità contadina in un’accoglienza gentile, mantenendo il fascino ed il carattere dei luoghi: una saletta con camino, mattoncini a vista, soffitto con travi di legno ed un menù di prodotti tipici e ricette della tradizione romagnola. Ottime le insalatine con le viole, le marmellate artigianali alla menta, melanzane e al peperoncino.

I prodotti ed i menù de La Cerqua di Montefiore sono legati al territorio e alla stagione. Ecco alcuni esempi: insalatina di finocchi e arance, spiedino polenta cotechino spinaci, tortellini ricotta e pere, zucchine nocciole e uva passa…

Interessanti e divertenti sono inoltre le chiaccherate spontanee con Franco e Leda che si occupano personalmente della scelta dei prodotti tipici, dal formaggio di fossa, alla raccolta delle erbe di campagna, ai vini.

Visto il buon passaparola, consigliamo di prenotare …per non rimanere a pancia vuota.