Hotel a Cattolica dal 1921

7 settembre 2011 11:45    |    by Mauro

90° anniversario sul Carlino

Il 90° anniversario dell’Alda & Amelia non poteva venir meglio festeggiato: un articolo a tutta pagina nella sezione di Cattolica sul Resto del Carlino di domenica 28 agosto 2011.

Riportiamo qui l’intero articolo che ripercorre la storia dell’hotel unico al mondo…almeno per il suo nome.

Da 90 anni la stessa famiglia è al timone del medesimo hotel e conta di esserlo ancora per tanti anni, specialmente dopo gli ultimi, importanti lavori di ristrutturazione, come le piscine coperte e riscaldate. La famiglia Calbi celebra quest’anno i 90 anni della propria licenza alberghiera da quando nel lontano 1921 le bisnonne Amelia Melli da Bologna e Francesca Meneghetti da Ravenna, quasi allo stesso tempo, iniziarono a soggiornare a Cattolica, ospitando i primi facoltosi ospiti nelle proprie due villette Alda e Amelia, inizialmente 2 strutture divise.

“In quegli anni arrivava il conte di Beaurnais – racconta Mauro Calbi, attuale gestore con il fratello Claudio e pronipote delle 2 antenate – le nostre bisnonne usavano affittare un’intera villetta ciascuna di cui occupavano l’indispensabile per sub-affittare il resto ai bagnanti. E da affittacamere a pensione il passo fu breve.  Mia nonna Lina, figlia della Meneghetti, ricorda quando alcuni giovani chiesero a sua mamma anche qualche primo piatto. Chissà, forse la tradizione cattolichina delle lasagne alla bolognese per il pranzo domenicale, quando erano presenti anche i mariti, è nata in casa nostra.”

Da subito così le due pensioni si distinsero per l’ottima cucina, erano gli anni in cui la notorietà dell’arenile di Cattolica era legata alla presenza della famiglia Marconi e del Premio Nobel, Guglielmo e fra gli altri avevano qui una villa i Fabbri, quelli della famosa amarena, i Folonari dei vini veronesi.

Passata poi l’ultima guerra il nonno Giorgio, figlio di Amelia, indimenticato presidente giallorosso al quale è dedicato lo stadio comunale di Cattolica, per non perdere il notevole avviamento dei 2 esercizi pensò di chiamare le 2 strutture Alda e Amelia di fatto accorpandole. E quindi iniziò la dinastia dei Calbi che oggi vede ancora al timone della struttura Mauro, Claudio, senza dimenticare il piccolo Alessandro (già calato nella parte).

Nessuno ha alcuna intenzione di fermarsi, anzi…
“Abbiamo regalato a tutti i nostri ospiti clienti un calendario con le foto storiche ed attuali della nostra struttura – spiegano i due fratelli – anche per invitarli a festeggiare con noi e da quest’anno abbiamo investito in una nuova area relax con piscina e con nuovi servizi per bambini e famiglie. Crediamo molto nella nostra attività e nel futuro di Cattolica, siamo un hotel 3 stelle che cerca di offrire tutti i servizi previsti dalla categoria alberghiera a cui apparteniamo e crediamo che sia giusto, come ribadito dal sindaco durante l’estate che questo target di qualità venga rispettato da tutti i colleghi.”

Un monito per tutti coloro che dopo anni non trovano di meglio che abbassare la saracinesca e trasformare le camere in appartamenti lasciando a piedi lavoratori e personale.

Da 90 anni, invece, all’Alda e Amelia si lavora non solo per la famiglia, ma anche per la città. Un bel messaggio di impreditoria locale per combattere la crisi.

Luca Pizzagalli, Resto del Carlino, 28.08.2011

 

Aggiungiamo un sentito ringraziamento naturalmente a nostro zio Guido e soprattutto a nostro padre Aldo che oltre ad insegnarci il mestiere con il loro prezioso esempio, ci hanno permesso di continuare questo lavoro con passione affinché il soggiorno all’Alda & Amelia, sia sempre lieto e confortevole in un ambiente familiare…come si leggeva in uno dei primi depliant.

Ringraziamo anche Luigi Sanguigni (nella foto insieme al sindaco di Cattolica), ospite all’Alda & Amelia da oltre 35 anni, che ha avuto questa bellissima idea per festeggiare insieme  questo anniversario.

Luigi e Clelia Sanguigni premiati dal sindaco

Condividi:
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Technorati
  • RSS
  • Facebook

Leave a Reply