Federalberghi richiama TripAdvisor

1 ottobre 2009 21:32    |    by Mauro

commenti

Federalberghi ha inviato all’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato una segnalazione di presunta scorrettezza delle pratiche commerciali poste in essere da Tripadvisor. Come è noto, il sito pubblica recensioni di clienti d’albergo con contenuti spesso inesatti e diffamatori, senza operare alcun preventivo controllo e senza consentire all’imprenditore alberghiero un reale e concreto diritto di replica.

La circostanza che manchi un effettivo controllo preventivo risulta evidente dal tenore di alcuni commenti pubblicati, che, come è possibile verificare con una ricerca per “parola chiave”, spesso contengono insulti e volgarità. La circostanza invece che non sia consentito un effettivo diritto di replica risulta evidente dalla lettura delle stringenti condizioni a cui viene sottoposto, e dai molti pretestuosi rifiuti di pubblicazione rivolti ai nostri imprenditori. Inoltre, i giudizi dei clienti sono pubblicati in genere in forma anonima e l’imprenditore non ha così alcuna possibilità di verificare se il commentatore abbia effettivamente soggiornato presso l’albergo.

La pubblicazione di giudizi diffamatori, oltre a danneggiare gravemente l’impresa alberghiera, provoca uno sviamento della clientela presso altre strutture, operando quindi una forma di concorrenza sleale, ma anche di pubblicità ingannevole a danno dei consumatori. Come è noto, la questione è all’attenzione anche dell’Hotrec, che ha formalmente invitato Tripadvisor ed i gestori di siti analoghi a rispettare i seguenti fondamentali principi:

  • controllo editoriale di ciò che viene pubblicato;
  • prevenzione delle manipolazioni;
  • qualità delle informazioni;
  • esclusione delle recensioni anonime;
  • pubblicazione di un numero minimo di recensioni;
  • armonizzazione del rating;
  • diritto di replica;
  • certezza legale;
  • aggiornamenti;
  • indicazione del sistema ufficiale di classificazione.

Non si vuole censurare la Rete, ma avere un diritto di replica soprattutto verso quelle recensioni che si nascondono sotto l’anonimato. Invitiamo a sottoscrivere le proprie recensioni sia negative che positive, anche per dimostrare che non sono recensioni fasulle…come qualcuno ci ha ingiustamente accusato.

Condividi:
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Technorati
  • RSS
  • Facebook

One Response to “Federalberghi richiama TripAdvisor”

  1. […] Quindi scrivere una recensione falsa su tripadvisor è semplice. Magari accusare la struttura ricettiva di questa o quell’altra mancanza può diventare un gioco per rovinare la reputazione al proprio concorrente, più che descrivere l’esperienza negativa della vacanza. Ne abbiamo ricevuta una che ce lo fa pensare… Su TripAdvisor molti siti ne parlano: alcuni consigliano come rispondere a recensioni negative, altri come FederAlberghi hanno aperto vere e proprie cause. […]


Leave a Reply